Islanda - Tra Natura e Cultura

VIAGGI CONFERMATI
Islanda-2
Data: 10 Agosto 2020 00:00 - 19 Agosto 2020 00:00

Luogo: Islanda

Al centro dell'Atlantico del Nord, affiancata a est dai paesi nordici e a ovest dalla Groenlandia, emerge un'isola, che è anche un Paese noto per la sua caratteristica leggenda vichinga. A quest'ultima si contrappone un paesaggio lussureggiante e magico, che non è una leggenda, bensì una splendida realtà. Ti proponiamo un indimenticabile Itinerario attraverso quello che è stato definito da Lonely Planet e National Geographic il percorso trekking più bello al mondo.
Scalda i muscoli... si parte!

PRIMO GIORNO
Partenza dall'Italia e arrivo a Reykjavik nel tardo pomeriggio. Trasferimento e sistemazione in hotel per il pernottamento.
Cena libera.

SECONDO GIORNO
Oggi iniziamo a prendere contatto con la potente natura islandese.
Alle 9 infatti parte il nostro tour del Golden Circle, durante il quale avremo modo di vedere Fridheimar Farm, area geotermica Geysir, la cascata Gullfoss e Þingvellir National Park.
Nell'area geotermica ad alta temperatura di Geysir, la sorgente termale Strokkur esplode ogni pochi minuti, con grande gioia di tutti coloro che ne sono testimoni. Gullfoss è una delle cascate più spettacolari dell'Islanda con una portata senza pari.
Il Parco Nazionale di Thingvellir, noto per la sua importanza storica oltre ad essere un sito patrimonio mondiale dell'UNESCO, è un sito potente di paesaggi gloriosi e una chiave per comprendere sia il paese che la cultura. Friðheimar è un'idilliaca serra a conduzione familiare, nascosta in un boschetto vicino alla piccola comunità di Reykholt. Qui, i proprietari Helena e Knútur invitano gli ospiti nella loro serra per conoscere la magia che sta dietro alla coltivazione di deliziosi pomodori e cetrioli privi di pesticidi con l'aiuto del calore geotermico che l'Islanda ha in abbondanza.
Un'esperienza deliziosa e affascinante che non vorrai perderti.
In serata rientro in città per la cena libera e il pernottamento in hotel.

TERZO GIORNO
Sveglia di buon mattino per prendere la navetta delle ore 7.00 che ci porterà al nostro Campo Base.
Per le ore 12.00 è previsto il nostro arrivo a Landmannalaugar, punto di partenza del nostro trekking attraverso il Laugavegur, ovvero il Sentiero delle sorgenti calde.
Qui infatti, tra montagne multicolore di riolite e ampie distese di lava, scorre un fiume di acqua calda, e nelle pozze circostanti è possibile riscaldarsi e rilassarsi in una vasca termale a cielo aperto.
La prima giornata la passeremo qui, prendendo confidenza con il terreno e godendoci il panorama, preparandoci per il giorno successivo.
Cena libera, pernottamento in rifugio.

QUARTO GIORNO
Oggi comincia il nostro trekking.
Questa prima parte del percorso è la più breve in chilometri, ma poiché l'elevazione accumulata è vicina ai 500 metri e questo è il primo giorno dell'escursione, molte persone trovano questa parte un po 'faticosa'. Il tempo è instabile in queste aree ed è spesso necessario camminare sulla neve, il che aumenta ulteriormente la difficoltà.
La realtà è che gli escursionisti potrebbero aver bisogno di tutta l'energia che hanno, per superare questa prima parte del sentiero.
La prima parte conduce al campo lavico di Laugahraun, la attraversa, quindi si dirige in discesa prima di risalire sull'altopiano, appena sotto Brennisteinsalda.
È una buona idea fermarsi qui per guardarsi intorno con viste mozzafiato, flora, montagne e gole in tutti i colori dell'arcobaleno.
Il sentiero prosegue poi fino all'altopiano, dove piccoli burroni tagliano il paesaggio mentre i fiumi modellano la morbida montagna.
La strada da percorrere è tutta in salita, ma non estremamente ripida. La prossima destinazione è Stórihver, un bellissimo punto di vegetazione
proprio accanto a un geyser sfrigolante dove puoi fermarti, riposare le gambe e fare un piccolo spuntino.
Da qui circa un'ora a piedi, fino al rifugio Höskuldsskáli a Hrafntinnusker. Questa parte del sentiero è spesso coperta di neve.
Qui c'è anche il maggior rischio di nebbia.
Va sottolineato che gli escursionisti devono stare attenti e seguire le indicazioni.
Cena libera e pernottamento in rifugio. 

TOTALE KM 12 - TEMPO DI CAMMINATA PREVISTO: 4/5 ORE - DISLIVELLO 470MT IN SALITA

QUINTO GIORNO
Il percorso da Hrafntinnusker corre lungo le pendici del Reykjafjöll.
L'area è un fondovalle che è per lo più pianeggiante, ma ci sono alcuni burroni che dovrebbero essere attraversati con molta attenzione poiché sono spesso mezzo pieni di neve.
Successivamente, ci dirigiamo a ovest di Kaldaklofsfjöll e fino alla dorsale
(GPS N63 ° 55.123 '- V19 ° 09.208') tra loro e Jökulgil.
Se il tempo e la visibilità sono buoni, si consiglia di fare un'escursione extra fino a Háskerðingur, la montagna più alta della zona, 1281 m. L'escursione dura circa 1-1,5 ore.
Fate attenzione, ci sono spesso crepacci nel ghiaccio appena sotto il picco. Il picco, tuttavia, di solito è privo di neve durante l'estate.
Il sentiero ora sale e scende attraverso alcuni burroni fino a raggiungere il bordo di Jökultungur, con viste incomparabili su tutto il percorso e sui tre ghiacciai Tindfjallajökull, Eyjafjallajökull e Mýrdalsjökull.
La strada lungo Jökultungur è piuttosto ripida e rocciosa, quindi fai attenzione. Sul fondo di Jökultungur il fiume Grashagakvísl attende e in alcuni casi può essere attraversato su un ponte di neve. In caso contrario, devi guadarlo a piedi.
L'acqua di Grashagakvísl è fresca e buona da bere.
Da lì proseguiamo su un percorso facile a sud-ovest fino al rifugio sul lago Álftavatn.
Cena libera e pernottamento in rifugio.

TOTALE KM 12 - TEMPO DI CAMMINATA PREVISTO: 4/5 ORE - DISLIVELLO 490MT IN DISCESA

SESTO GIORNO
Da Álftavatn, il sentiero prosegue in direzione est verso Brattháls e prosegue verso est fino a Hvanngil.
Il fiume Bratthálskvísl è senza ponte e deve essere attraversato a piedi, il che nella maggior parte dei casi è relativamente facile.
Dalla collina sopra Hvanngil la vista è magnifica.
A Hvanngil gli escursionisti possono utilizzare i servizi igienici.
Da qui, c'è una breve passeggiata per il fiume Kaldaklofskvísl, che può essere attraversato su una passerella.
Appena a sud, c'è un altro fiume, Bláfjallakvísl senza ponte.
Nella maggior parte dei casi, non è così difficile attraversare, ma occorre prestare attenzione, soprattutto durante le forti piogge quando il fiume
può crescere rapidamente.
Ora il percorso si trova principalmente sulla strada principale fino a raggiungere il fiume Innri Emstruá.
Ha un ponte.
Occasionalmente devi camminare attraverso un po 'd'acqua perché c'è un trabocco che bypassa il ponte.
Appena a sud di esso, il sentiero gira dalla strada principale a sinistra e a sud verso Emstrur, dove il terreno è praticamente senza vegetazione.
Se il tempo è secco, con forte vento, soprattutto da nord, la sabbia può andare alla deriva.
Il sentiero si snoda tra due montagne chiamate Útigönguhöfðar e in circa un'ora si raggiunge il rifugio Botnar a Emstrur.
Le cabine del rifugio non sono visibili fino a quando non si è quasi completamente accanto a loro.
Cena libera e pernottamento in rifugio.

TOTALE KM 16 - TEMPO DI CAMMINATA PREVISTO: 6/7 ORE - DISLIVELLO 40MT IN DISCESA

SETTIMO GIORNO
Il sentiero si dirige verso est dal rifugio di Botnar.
In breve tempo si raggiunge il ponte sul fiume Syðri-Emstruá.
Il fiume sfocia in uno stretto canyon profondo che raggiunge gran parte del cammino verso Entujökull.
Le persone con vertigini a volte hanno difficoltà a raggiungere e attraversare il ponte.
Da lì, il percorso si snoda lungo Langháls e verso l'incrocio dei fiumi Markarfljót e Syðri-Emstruá.
Si consiglia di camminare fino al bordo della gola dove si incontrano i fiumi, prima di fare un'escursione a sud attraverso Almenningar.
Presto il sentiero attraversa due piccoli anfratti, Slyppugil e Bjórgil. In ognuno di essi c'è una piccola insenatura con acqua potabile che lo rende un posto eccellente per riposarsi e pranzare.
Dopo aver fatto un'escursione da quest'ultimo burrone, Bjórgil, il sentiero conduce a Fauskatorfur e gradualmente verso un'area con più vegetazione.
Si chiama Úthólmar.
La collina che sale dal fiume Ljósá si chiama Kápa o Coat ed è l'ultima ripida del sentiero. Quando i sentieri scendono da Kápa, gli escursionisti devono percorrere il fiume Þröngá, che nella maggior parte dei casi non è difficile ma può essere piuttosto insidioso.
Il fiume segna il confine di Þórsmörk e ora c'è solo poco più di mezz'ora di escursione attraverso il piacevole bosco Hamraskógar fino ad arrivare
al rifugio Skagfjörðsskáli a Langidalur, Þórsmörk.
Cena libera e pernottamento in rifugio.

TOTALE KM 16 - TEMPO DI CAMMINATA PREVISTO: 6/7 ORE - DISLIVELLO 40MT IN DISCESA

OTTAVO GIORNO
Il nostro trekking termina qui ed è arrivato il momento di ritornare in città. Ma abbiamo ancora tempo per fare qualche passeggiata nei dintorni. La nostra navetta parte alle 13.
Faremo una sosta di qualche ora presso Seljalandsfoss, una delle cascate più note d'Islanda, dove potremo mangiare e fare qualche foto, da aggiungere a quelle già fatte lungo il Laugavegur.
Nel tardo pomeriggio ripartiremo per Reykjavik, dove arriveremo in tarda serata.
Cena libera e pernottamento in hotel.

NONO e DECIMO GIORNO
Trascorreremo gli ultimi due giorni a Reykjavik.
Molto vicina al Circolo Polare Artico, la capitale più settentrionale del mondo può vantare di essere una delle città più originali di tutta l'Europa. Qui le influenze internazionali si mescolano con le tradizioni nazionali, e le orme del passato convivono in perfetta armonia con le proposte più all'avanguardia.
Il risultato: una sorprendente atmosfera in cui è possibile osservare edifici tradizionali accanto a edifici futuristici di cristallo.
Le proposte sono tantissime e vi lasciamo la scelta di quale effettuare. Se volete continuare a immergervi nella natura basta spostarsi di pochi km
a est del centro e raggiungere la penisola di Seltjarnarnes per sentirsi in un altro mondo rispetto alla capitale.
Questa tranquilla località costiera è il paradiso del birdwatching: ogni anno, più di 160 specie diverse di uccelli visitano questa zona.
In particolare, la placida isoletta di Grótta appena al largo della costa offre la possibilità di ammirare la fauna locale e scattare splendide fotografie con il caratteristico faro bianco dal tetto rosso e il monte Esja sullo sfondo. L’isola è raggiungibile a piedi durante la bassa marea, mentre è vietato l’accesso ogni anno da maggio a luglio, durante il periodo della nidificazione.
Inoltre, se visitate durante i mesi invernali, Seltjarnarnes è probabilmente il posto migliore vicino a Reykjavík dove meravigliarsi di fronte all’aurora boreale.
La penisola si trova ad appena 5 km dal centro ed è raggiungibile sia in macchina che a piedi con una rilassante passeggiata lungomare.
Se invece volete godervi il panorama di Reykjavík vista dal mare, saltate sul traghetto e dirigetevi all’isola di Viðey.
Questo piccolo isolotto disabitato si trova appena 1 km al largo della capitale islandese e ospita una delle più grandi colonie di pulcinelle di mare d’Islanda.
Sul Viðey potrete passeggiare lungo i sentieri ombreggiati, esplorare le calette e le piccole grotte naturali, noleggiare una bicicletta oppure andare a curiosare il villaggio di pescatori abbandonato di Sundbakki.
Sull’isola si trovano anche i resti di un antico monastero cristiano e il monumento Imagine Peace Tower, il memorial a John Lennon voluto da Yoko Ono.
Si tratta di un basamento in pietra con sopra incisa la frase “immagina la pace” in 24 lingue da cui viene proiettato in cielo un potente fascio di luce blu.
Il battello impiega poco più di 5 minuti a raggiungere l’isola dal porto, parte ogni ora e al biglietto... abbiamo già pensato noi!
Siete stanchi dopo il trekking degli ultimi giorni?
Nessun problema, abbiamo pensato anche a questo. Nonostante l’unica e inimitabile Laguna Blu non sia poi molto distante, anche la capitale islandese può vantare le sue terme personali: le piscine geotermiche di Lagardalslaug sono tra le più grandi d’Islanda e sicuramente quelle con i servizi migliori.
All’interno della struttura potrete trovare vasche termali sia al coperto che in esterno, saune, bagni caldi, una piscina di acqua salata e due divertentissimi scivoli acquatici, il più grade lungo ben 86 metri!
Infatti, più che di uno stabilimento termale, si tratta di un vero e proprio parco acquatico aperto tutto l’anno!
Lagardalslaug è aperto tutti giorni fino alle 10 di sera ed è raggiungibile dal centro in circa 20 minuti di cammino. L’ingresso alle terme... te lo regaliamo noi!
Sei stanco della potente natura islandese ma non sei il tipo da terme? Se preferisci fare un pò il turista classico Reykjavik offre davvero di tutto. L’imponente chiesa di Hallgrím è il simbolo della città: con i suoi 75 metri d’altezza, è ben visibile da ogni angolo di Reykjavík fino a oltre 20 km di distanza.
Old Reykjavík, la città vecchia, si sviluppa attorno al piccolo lago Tjörnin ed è la zona più antica e centrale della città. È il cuore della capitale, nonché ciò che rimane dell’insediamento vichingo originario. Qui troverete Aðalstræti, la via più antica da cui iniziano tutti i numeri civici. Se siete curiosi, in Aðalstræti 10 troverete l’edificio più antico della città. Poco distante si trova anche la Landakotskirkja o Cattedrale del Cristo Re, il principale edificio di culto cristiano cattolico di Reykjavík, nonché sede della diocesi e della cattedra vescovile islandese.
Tra in numerosi musei da visitare nella capitale islandese, non perdetevi l’interessantissimo open air museum Árbæjarsafn. L’esposizione è situata 4 km a est della capitale ed è costituita da una ventina di antichi edifici islandesi, trasportati dalla loro posizione originarie e ricostruiti in loco. In questo affascinante museo dell’abitazione potrete farvi un’idea di come viveva anticamente il popolo islandese. Qui potrete visitare abitazioni storiche, laboratori artigiani, stalle e fienili, nonché una vecchia chiesetta dal tetto d’erba. Inoltre, durante i fine settimana e nel periodo estivo, vengono organizzate rievocazioni storiche e dimostrazioni delle arti antiche. Per raggiungere il museo, prendete il bus numero 12 dal centro città. Il biglietto del bus e quello di ingresso lo abbiamo già comprato noi!
Piove? Nessun problema.
Per approfondire la storia e la cultura del popolo islandese, non mancate l’occasione di visitare il Museo Nazionale, dove sono esposti manufatti e tesori che ripercorrono la storia dell’isola dall’epoca dell’insediamento vichingo fino ai giorni nostri. Anche in questo caso abbiamo già provveduto noi a pagare l'ingresso.

Vorresti fare tutto?
Hai 40 ore di tempo!
Il nostro volo parte alle 19.30.

PARTENZA GARANTITA CON ACCOMPAGNATORE ITALIANO

Informazioni utili prima della partenza

  • E' possibile effettuare questo trekking anche in campo tendato (costo su richiesta).
  • Ognuno dovrà provvedere alla propria attrezzatura, noi ci occuperemo solamente delle prenotazioni accessorie.
  • In Islanda sono possibili cambi di clima repentini: sole, pioggia, fitta nebbia , venti fortissimi e neve.
  • La temperatura può variare da -5 a 20°C
  • E' necessario un abbigliamento impermeabile, rischio ipotermia
  • I rifugi non servono cibo, bisogna portare tutto il necessario. Per risparmiare spazio e peso è necessario utilizzare prodotti liofilizzati, le buste di riso e pasta sono l'ideale. Sono comode e veloci da preparare, bastano pochi minuti di cottura e il piatto è pronto. Consigliamo inoltre di portare barrette energetiche, mix di frutta secca, snack e formaggio sottovuoto, cioccolato e biscotti. E' indispensabile portare tutto da casa perchè i prezzi in Islanda sono molto alti.
  • Chi dorme al rifugio può utilizzare la cucina attrezzata, pentole, piatti etc
  • Le docce sono disponibili a pagamento in quasi tutti i rifugi (5 euro per 5 minuti di acqua calda)
  • La corrente per poter ricaricare cellulari durante il trekking è a pagamento.Consigliamo di portare batterie di emergenza.
  • La spazzatura può essere lasciata solo alla fine del trekking
  • Il sacco a pelo è necessario anche al rifugio, niente lenzuola o cuscini
  • Presso i rifugi c'è acqua corrente potabile a disposizione di tutti
  • Chi campeggia non può entrare nel rifugio
  • I servizi igienici sono disponibili gratuitamente all'esterno di tutti i rifugi

Hotel selezionati
Reykjavik: Oddson Hotel o similare
Il resto dei pernottamenti è in rifugio o tenda lungo il percorso trekking

QUOTA PER PERSONA: 1.690€
SUPPLEMENTO IN CAMERA SINGOLA: 200€

La quota comprende: 

  • Volo A/R Malpensa - Reykjavik con franchigia bagaglio 20KG
  • Trasferimenti aeroporto/hotel e viceversa
  • Pernottamenti in hotel o rifugio / campo tendato come da programma
  • Trasferimenti da Reykjavik a Landmannalaugar e da Þórsmörk a Reykjavik
  • Tour del Golden Ring
  • Abbonamento mezzi pubblici e ingressi menzionati in programma
  • Accompagnatore multilingue (Italiano/Francese/Inglese)
  • Assicurazione medico bagaglio annullamento con copertura COVID-19 La quota non comprende
  • I pasti (colazioni, pranzi e cene a carico del cliente)
  • Mance
  • Spese personali 
  • Assicurazione integrativa facoltativa 

COSA PORTARE

Abbigliamento

L'abbigliamento è il classico a cipolla per il trekking, in modo da spogliarsi e rivestirsi in caso di un repentino cambio climatico. Consigliamo di utilizzare materiale sintetico che si asciuga velocemente e non si inzuppa, assolutamente da evitare jeans e altri pantaloni in cotone.

Di seguito una lista degli indumenti da portare:

  • Pantaloni da trekking, pesanti, in alternativa quelli leggeri + calzamaglia
  • Micropile
  • Magliette, vanno bene quelle in cotone
  • Piumino leggero, di quelli che si comprimono e occupano poco spazio
  • Guscio antivento/impermeabile, direi che è indispensabile.
  • Panta kway, se piove molto sono indispensabili per non inzupparsi i pantaloni
  • Calzini da trekking, un paio al giorno
  • Poncho, per proteggersi se piove molto, non è comodo da indossare con lo zaino, prendetelo di scorta oltre al materiale elencato in precedenza.
  • Guanti leggeri (meglio se impermeabili) e berretta
  • Ghette, nel caso ci sia neve e comunque per riparare gli scarponi dalla pioggia, in modo che non entri all'interno.
  • Salvietta in microfibra

Attrezzatura

  • Tenda
  • Sacco a pelo
  • Torcia frontale
  • Scarponi da trekking, devono essere impermeabili in goretex, non devono essere nuovi ma vanno "rodati" prima di partire.
  • Bastoncini da trekking, non sono indispensabili ma sono utili per scaricare il peso sulle braccia e per guadare i fiumi
  • Fornelli da campeggio, in aereo non è possibile imbarcare bombole di gas butano, quindi vanno prese necessariamente sul posto.
  • Pentolame da campeggio
  • Stuoia per campeggio, da mettere sotto la tenda per proteggerla da terreni sconnessi
  • Materassino, se dormite in tenda è indispensabile, separa il corpo dal terreno e si dorme meglio, soprattutto su terreni duri e sconnessi.
  • Borraccia o sacca d'acqua, per bere durante il cammino e cucinare
  • Sacchetti impermeabili, per proteggere i documenti e materiale elettronico dall'acqua, bastano i classici "sacchetti a gelo" per il freezer
  • Sandali o scarpette da scoglio, da utilizzare per guadare i fiumi e quando fate la doccia nei rifugi. Portatevi uno straccio/salviettina per asciugare i piedi prima di rimettere gli scarponi
  • Cerotti per le vesciche
  • Spago, per aggiungere ancoraggi alla tenda, principalmente su sassi
  • Salviettine detergenti, per la pulizia se non c'è la doccia, vendono anche quelle disinfettanti
  • Qualche farmaco come antidolorifici, antinfiammatori

Cibo

Per risparmiare spazio e peso è necessario utilizzare prodotti liofilizzati, le buste di riso e pasta tipo knorr sono l'ideale. Sono comode e veloci da preparare, bastano pochi minuti di cottura e il piatto è pronto. Consigliamo inoltre di portare barrette energetiche, mix di frutta secca, carne secca e formaggio sottovuoto, cioccolato e biscotti. E' indispensabile portare tutto da casa
perchè i prezzi in Islanda sono molto alti.

Acqua

Come indicato in precedenza c'è acqua potabile a disposizione di tutti presso i rifugi, ci sono diversi rubinetti all'esterno delle strutture. Inoltre è possibile bere l'acqua dei fiumi che si incontrano lungo il percorso.

 

 

 

Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet

Iscriviti alla Newsletter!